Monte Baldo cosa vedere

Scoprire Monte Baldo

Monte Baldo dove si trova

Monte Baldo si trova in Veneto, sulla sponda orientale del lago di Garda, in provincia di Verona.
Il territorio del monte è un massiccio delimitato a ovest dal lago di Garda e ad est dalla Valdadige. Si estende per circa 35 chilometri di lunghezza e 14 di larghezza e raggiunge, nella sua vetta più elevata, i 2218 metri di altitudine.

Monte Baldo Sentieri

Monte Baldo sentieri

Il Monte Baldo è un vero e proprio paradiso per gli escursionisti, grazie alla fitta rete di sentieri che, da quote spesso modeste, portano a vette che superano i duemila metri.

Per chi vi vuole salire velocemente, per poi avventurarsi lungo i sentieri in quota, la futuristica funivia di Malcesine, con le sue cabine ruotanti e panoramicissime, porta in pochi minuti dagli ulivi e limoni delle sponde del lago ai panorami montani del massiccio; dall’alto, la vista sul Garda è veramente spettacolare.

Una volta in quota, ci si può dirigere verso il centro del gruppo stesso, in direzione del rifugio Barana al Telegrafo.

Altre belle escursioni portano, sempre dal lago, sulle pendici del monte: da San Vigilio si sale ad esempio verso il monte Bre (dove sono state ritrovate interessanti incisioni rupestri), oppure da Castelletto di Brenzone verso Prada e Lumini, per poi raggiungere, sul versante opposto, Ferrara di Monte Baldo.

Molte le passeggiate anche sul versante orientale del Baldo, dal rifugio Cavallo di Novezza o dal rifugio Novezzina (dove vale la pena visitare il famoso Orto botanico): le mete sono sempre le alte vette che superano i 2000 metri.

Attività sportive

Il Baldo è cornice ideale per moltissimi altri sport: mountain-bike (i bikers possono salire in quota caricando la bici sulla funivia sbizzarrirsi su una grande varietà di piste), equitazione, torrentismo (nel vajo dell’Orsa), parapendio, deltaplano e free-climbing.

Flora e Fauna

Monte Baldo flora

Lo chiamano il “giardino botanico d’Europa” e a ragione: il monte Baldo – le cui pendici s’innalzano dalle tiepide sponde del Garda- ha una flora eccezionalmente ricca e varia, che va dalla tipica vegetazione mediterranea di viti, ulivi e oleandri alle stelle alpine delle quote più alte.

Dalla primavera all’autunno si alternano, a perdita d’occhio, distese di viole, primule, narcisi, anemoni, orchidee. Uno spettacolo unico, a cui fa da sfondo l’azzurro intenso delle acque del lago.

Un ambiente incontaminato, habitat ideale per moltissime specie di uccelli: i punti migliori per osservarli sono la Riserva integrale di Lastoni-Selva Pezzi, la Riserva integrale della Gardesana Orientale, la foresta sul monte delle Erbe e verso la valle Aviana, la zona tra Costabella e Tratto Spino. 

Botanica del Monte

L’Orto Botanico, che si trova in località Novezzina, è lo specchio della stupefacente ricchezza botanica del Monte Baldo, il cui nome è ben noto ai botanici di tutto il mondo.

Ciò che lo differenzia dai tradizionali orti botanici alpini è che vi sono raccolte solo le specie autoctone: oltre 500 le specie già piantate, ma il numero è in continua crescita.

Anemone del Baldo, Aquilegia, Asfodelo, Bucaneve, Campanellino, Dafne, Genziana, Genziana maggiore, Genziana gialla, Giglio rosso, Giglio martagone, Mughetto, Nigritella, Narciso, Orecchia d’orso, Peonia, Pulsatilla, Rododendro, Rosa di Natale, Scarpetta della Madonna, Stella alpina…questi solo alcuni dei rari fiori che –soprattutto in primavera – lo rendono un tripudio di colori e profumi.

Sono circa una ventina le specie floreali tipiche o esclusive del monte Baldo, che perciò portano l’appellativo di “baldensis“, in quanto proprio qui sono state riconosciute per la prima volta: un’ulteriore testimonianza dell’importanza naturalistica di questa zona.

Agriturismi ed Alberghi sul Monte Baldo

Monte Baldo funivie

Sul Baldo ci sono 9 rifugi (di cui due – il Fiori del Baldo a Costabella e il Cedron presso il passo Cavallo di Novezza – sono aperti tutto l’anno e gli altri solo con la bella stagione), nella maggior parte dei quali si può anche pernottare.

Agriturismi e piccoli alberghi si trovano nei caratteristici borghi che ne punteggiano le pendici (soprattutto a San Zeno di Montagna e frazioni). Ottimi punti di partenza per salire sul Baldo sono comunque le località veronesi della Riviera degli Olivi – ad iniziare da Malcesine – perfettamente attrezzate con alberghi, residence, B&B, campeggi.

Sulla tavola

Il marrone di San Zeno DOP è una delle ghiottonerie del monte Baldo, dove il castagno è coltivato fin dal Medioevo. Ad esso si affianca il formaggio Monte Veronese DOP e altri prodotti come il tartufo, i funghi, i mieli.

E poi l’olio extravergine della Riviera degli Olivi DOP, proveniente dalle sponde del lago e gli asparagi di Rivoli Veronese.

La gastronomia, gustosissima, è tutta giocata su questa dualità/simbiosi fra prodotti e piatti di montagna e di lago: così giungono sulla tavola rustiche minestre e frittate con le erbe primaverili, raffinati menù giocati sul tema del tartufo, carni e cacciagione insaporite da funghi e accompagnate dalla polenta, ma anche pesci pregiati quali il carpione, il coregone, il luccio, la trota.

 

Commenti chiusi