I Migliore vini del Lazio Itinerario Enologico

Indice

I Vini del Lazio

Oggi più che mai prodotti di eccellenza

Il Lazio è una terra bellissima, colline ora dolci ora selvagge, laghetti vulcanici, pianure che degradano fino al mare precede la nascita di Roma e ai giorni nostri, grazie all’impegno dei viticoltori, il territorio offre eccellenze enologiche tutte da scoprire.

storia del vino del lazio

La storia della viticoltura nel Lazio

Precede la nascita di Roma esistono ampie testimonianze storiche che vedono il territorio ei suoi abitanti legati alla civiltà della vite. E con l’Impero Romano che si assiste a un certo aumento della produzione vitivinicola, in ragione di una crescita della richiesta popolare, infatti il vino era consumato ormai anche nei locali pubblici e veniva esportato da Ostia via mare. La fama dei vini laziali ebbe un momento di gloria negli anni 20 quando la regina Elisabetta, inserire nella cantina di corte il Frascati, di qui era appassionata. Poi arrivo il flagello della Fillossera che segno una terribile battuta d’arresto alle coltivazioni e produsse un cambiamento epocale nei criteri di produzione.

Grandi quantità a spese della qualità.

Oggi cultura e tecnologie hanno influito positivamente nel comparto e molti viticoltori puntano sull’eccellenza dei vitigni autoctoni e sui terreni molto diversificati, alcuni di origine vulcanica.
Il Lazio a sud-est di Roma e collinare è la zona vitivinicola più nota è quella dei Castelli Romani con un ottimo castelli romani DOC.

Nell’Agro Pontino troviamo le IGT: Il Frascati dei Colli, il Nerobono di Cori, l’Arciprete, il Moscato di Terracina, il Bellone e il Greco. Sulle colline della Ciociaria si coltiva il Cesanese del Piglio Doc, e l’Atina DOC. Nella Tuscia troviamo: Il Colli Etruschi, Viterbesi DOC, il Tarquinia DOC. In Sabina, il Colli della Sabina DOC.

la strada del vino del lazio

 

Itinerari del vino tra paesaggi dolci

Andiamo alla ricerca di prodotti tipici, visitando Cantine. Ne segnaliamo alcune fra le migliore: Casale Certosa sui Colli Albani, con la sua Malvasia puntinata-Visciole, con il Cesanese del Piglio da assaggiare con la pizza locale, cacio e pepe- Mottura cantina dove gustare uno splendido Grechetto, antiche cantine Migliaccio, il loro Biancolella è un bianco davvero notevole. Carpineti, cantina con ottimi prezzi per vini pregiati qual’è il Bellone e il Nerobono.
Infine, in alta Tuscia, la Cantina San Giovenale tra i monti Sabatini e Cimini, coltivano uvaggi francesi è il risultato e l’Habermus uno tra i rossi migliori del Lazio.

I Quattro Itinerari Più Pittoreschi del Lazio

Sono davvero tante le gite alla ricerca dei prodotti eno-gastronomici del Lazio,abbiamo scelto per voi i 4 più pittoreschi e più golosi.

 La strada del vino nella Val Taverina

Sia snoda fra i comuni di Bagnoregio borgo splendido Bomarzo celebre per il Giardino dei mostri di pietra, Castiglione in Teverina, Celleno, Graffignano Lubriano e Civitella d’Agliano. In ogni cittadina assaggiarete prodotti tipici.

È d’obbligo la degustazione di Est! Est! Est!: La gita si conclude a Montefiascone in vista del Lago di Bolsena.

La strada del vino dei Castelli Romani

Qui si svolgono le più belle sagre del Lazio. I vini da assaggiare: Colli, Albani DOC, Colli Lanuvini DOC, frascati DOC, marino DOC, Montecompatri-Colonna DOC,Velletri DOC, Zagarolo DOC.
La cittadina più caratteristica della gita è Genzano, borgo medioevale famosa per le gigantesche pagnotte di pane.

La Strada del Vino dell’Alta a Tuscia

Tutta la zona è punteggiata da comuni di grande bellezza che saprano offrirvi il meglio dei prodotti tipici. I vini da non perdere: Orvieto DOC, Colli Etruschi Viterbesi DOC, Aleatico di Gradoli DOC.

La Strada del Vino del Cesanese

Si snoda nei comuni di: Arguto, Affile, Anagni, Paliano, Piglio, Serrone. Zona ricchissima di prodotti tipici come pecorino, primo sale, ricotta, caprini, salumi e olio. Da assaggiare: Il colli Etruschi Viterbesi DOC e il Tarquinia DOC.

Dove gustare il vino di Lazio a Roma le migliore enoteche

dove gustare il vino del lazio

Tramonti & Muffati

Uno del migliore della capitale. Piccola enoteca che strizza l’occhio un pò all’Inghilterra e un pò alla Francia. Si mangia benissimo e il vino è eccellente. Il propietario è un vero conoscitore e vi darà preziosi consigli. Sottofondo musica classica.

Via S.Maria Ausiliatrice,105  Tel: 067801342

Trimani

Attivo come enoteca fin dal 1821.Da una ventina d’anni ha deciso di affiancare all’attività di vendita quella di degustazione in loco, divenenedo un locale di culto. La cantina è formidabile, 6.000 etichette! Imperdibile!

Via Cernaia,37  Tel: 06 4469630

www.trimani.com

Enoteca Antica Di Via Della Croce

Si chiama antica perché la sua fondazione risale al 1720. Locale di grande atmosfera, bocconi di ottima qualità tra cui il prosciutto a coltello. Ottimo per una seratina romantica.

Via Della Croce 76/B   Tel: 06 67908965

www.anticaenoteca.com

Enoteca Del Frate

Circa cento anni or sono, apre nel quartiere Prati. Le pareti di questo locale caldo e accogliente sono tappezzate da botigglie pregiate e l’aroma del vino ti accoglie fin dall’ingresso. La degustazione enologica è accompagnata da piattini prelibati: prosciutti d’annata, lo stracchino passito, il caprino con petali di rosa e frutti di bosco, e una buona selezione di percorini laziali da abbinare a vini del territorio.

Via Degli Scipioni, 118/122     Tel: 06 3236437

www.enotecadelfrate.it

Last updated on 08/10/2017 15:27

 

Commenti chiusi